Ogni mercoledì le innovazioni si fanno protagoniste di questa rubrica. Approfondimenti su fisica, scienza e tecnologia raccontati dagli occhi degli studenti per gli studenti.


L’auto elettrica 

Le auto elettriche stanno guadagnando sempre più popolarità grazie alla loro eco-sostenibilità e alle prestazioni avanzate.

I veicoli elettrici stanno rivoluzionando il settore automobilistico e industriale grazie alla loro efficienza e sostenibilità. Queste tecnologie, alimentate da motori elettrici, stanno progressivamente sostituendo i motori a combustione interna in molte applicazioni. 

Le vetture offrono prestazioni elevate, manutenzione ridotta e zero emissioni inquinanti durante l’utilizzo, contribuendo così alla transizione verso un futuro più sostenibile e verde. Con continui progressi nella tecnologia delle batterie e nell’efficienza dei motori, le macchine elettriche si profilano come una soluzione chiave per ridurre l’impatto ambientale e promuovere una mobilità sostenibile

Ma davvero l’auto elettrica non inquina? Ebbene no, essa inquina ma in modo diverso rispetto a un’auto tradizionale: la vettura elettrica non emette CO2 o altri agenti inquinanti su strada, però inquina lo stesso. In che modo? Indirettamente

La produzione di CO2 non avviene mentre si utilizza ma durante la sua fabbricazione e il suo sviluppo. Inoltre per produrre batterie e accumulatori necessari per queste vetture ad elettroni si utilizzano materiali grezzi molto rari, e la loro lavorazione richiede quindi imponenti lavori minerari, altamente inquinanti per l’ambiente (oltre che eticamente problematici per lo sfruttamento sia del suolo che del lavoro minorile).

Tuttavia l’evoluzione e produzione di queste vetture è sempre in aumento; di conseguenza le case automobilistiche lavorano sempre più intensamente per offrire una vasta gamma di auto elettriche, a partire dalle citycar fino ad arrivare alle super sportive.

E voi, che team siete? Auto elettrica o tradizionale?

A cura di Sabrina El Assad


Clicca qui per leggere le puntate precedenti: