Vi siete mai chiesti cosa c’è al di là delle terre, delle usanze che conoscete e con cui avete a che fare ogni giorno? Ogni sabato preparatevi a scoprire tante curiosità e storie affascinanti sulla terra e i suoi popoli, per viaggiare con noi intorno al mondo.


Rivoluzione nella spesa: apre il primo supermercato senza casse in Italia

La tecnologia negli ultimi decenni ha fatto passi da gigante, e anche l’Italia non è da meno quanto a storie di innovazione tecnologica applicate sia ai massimi livelli accademici, sia alla vita di tutti i giorni. 

Da poco a Verona è stato introdotto un nuovo modo di fare la spesa, basato sull’Intelligenza Artificiale, che permette al cliente di ottimizzare al massimo i tempi, dal momento che tutto il processo è digitalizzato e automatizzato. Diversamente da esempi precedenti di negozi progettati in modo simile, come gli Amazon Go in cui le code alle casse sono rimosse poiché il pagamento è digitalizzato, in questo nuovo concept l’algoritmo è presente in tutto il locale, e analizza ciò che il cliente prende dagli scaffali e rimette a posto, alla fine genera lo scontrino e permette il pagamento senza bisogno di casse o soldi contanti. 

Si tratta della catena Dao – affiliata di Conad – che opera sotto il marchio “Prendi&Vai” in supermercati di prossimità la cui clientela prevalente è costituita da studenti, turisti o impiegati che fanno la spesa nella pausa pranzo: il fattore tempo è fondamentale per queste categorie di persone, e proprio su questo l’azienda ha deciso di puntare, tramite una collaborazione con l’incubatore di start-up “Retail HuB”. 

Il funzionamento di questo meccanismo è descritto con chiarezza dal suo ideatore, Massimo Volpi, che lo mette a paragone con altre realtà del settore: “Negli Amazon Go” spiega, “l’identificazione avviene all’ingresso e a tal fine il cliente deve attivare l’app dedicata. In Prendi&Vai, invece, l’Intelligenza Artificiale è in grado di distinguere i singoli clienti e attribuire a ognuno la sua spesa, senza rischi per la privacy; l’app entra in gioco soltanto all’uscita, dove ci sono i totem digitali per pagare, ma chi non ce l’ha può “strisciare” la sua carta di credito”. 

Tuttavia, non dobbiamo temere il rischio di avvicendamenti tra macchine e uomini, che metterebbe in crisi il rapporto di fiducia cliente-venditore: “Il fatto che sia un negozio automatico”avverte Volpe“non vuol dire che non ci siano addetti e manchi il rapporto umano. Nel Prendi&Vai di Verona sono sempre presenti tre persone, che assistono e consigliano”. 

Ci troviamo davanti quindi a un’ulteriore innovazione nel campo della vendita al dettaglio in Italia, che vede precedenti anche in altri Paesi del mondo come il Brasile, il Portogallo, o gli Stati Uniti, e che nei decenni a venire potrebbe rivoluzionare il nostro modo di fare la spesa. 

A cura di Laura Murroni


Clicca qui per leggere le puntate precedenti: